La Giunta esattrice

A distanza di tre mesi dalle elezioni urge fare un breve bilancio della giunta Concordati-Benelli. Nel programma elettorale della lista “Tutti per Casale” (leggi PD) vi erano numerose promesse. Vediamo se sono state mantenute .

Promesse elettorali

Maggiore impegno per la cultura

Maggiore attenzione alle frazioni

Maggiore attenzione al lavoro Aiuto ad artigiani e commercianti

Maggiore attenzione alla sicurezza

Azioni realizzate

Cancellazione dell’Assessorato alla cultura

Sia la notte bianca sia la sagra di Zorlesco sono state fatte lo stesso giorno. Inoltre l’unico negozio di Vittadone è chiuso e non si sa quando riaprirà

Istituzione di un comitato cittadino che provvederà alla manutenzione dei parchi. Ovviamente gratis. Non era meglio ripagare il lavoro tramite voucher garantendo un sostentamento minimo?

Aumento del 66% del costo dei parcheggi e aumento delle tasse del 30%

Lite furibonda con il vice-comandante della Polizia municipale e provvedimento sproporzionato del Sindaco contro lo stesso.

Speriamo che questa amministrazione se ne vada prima della scadenza naturale del mandato, cacciata a pedate dai cittadini, perché altrimenti Casale andrà in default! Lo ripetiamo: questi signori fanno parte dello stesso schieramento che indebitò in modo spaventoso (ben 15 milioni) Casale per ben 30 anni! Sono gli stessi che hanno fatto uso spregiudicato dei soldi delle tasse dei cittadini ed ora con la scusa che il loro governo taglia i trasferimenti ai comuni non trovano di meglio da fare che aumentare continuamente le tasse, con cinismo impressionante, senza tenere conto delle enormi difficoltà dei cittadini a causa della gravissima crisi economica. La loro politica è identica a quella del governo: strangolare i cittadini. L’Italia è il paese con la tassazione più alta al mondo, ma i nostri amministratori ambiscono a un record maggiore: quello di diventare primi nell’universo. Se il centro sinistra eletto nel 2004 ha provocato disastri, questi del 2014 si apprestano a superarli

Lascia un Commento