Fascisti su Marte? No, a Casalpusterlengo

fascisti-su-marte

La piazza di Casalpusterlengo è diventata la piazza dei fascisti grazie al Sindaco che, evidentemente, ha deciso di concederla un sabato sì e uno no.  Un vero  e proprio insulto ai martiri del fascismo e ai partigiani che hanno lottato e sono morti per liberare la nostra città dalla barbarie nazifascista. Una domanda sorge spontanea a chi non conosce Casalpusterlengo: ma il sindaco è di destra o fascista? No, è una vecchia gloria (sic!) del PCI il partito anti fascista che ha dato il più alto contributo alla resistenza e alla vittoria sul nazifascismo. Il PCI, però, non esiste più ed il sindaco è uno dei liquidatori del partito comunista. Adesso, a distanza di anni , è sempre più chiaro perché il partito, che aveva il nome di comunista, è stato sciolto da personaggi che prima portavano le bandiere rosse nelle piazze e urlavano “Morte al fascio!” e ora, nelle città da loro governate, permettono ai fascisti di dimostrare liberamente.  Sono oramai tre sabati che la piazza del Popolo è presidiata da DIGOS e carabinieri per proteggere tre persone vestite di nero,  che spargono odio coi loro volantini  razzisti e fascisti. Mobilitare cosi tante forze dell’ordine non vuol forse dire che vi è un problema di ordine pubblico? E allora, se il problema esiste, perché il Sindaco non fa un ordinanza sindacale per problemi di sicurezza,  vietando tale presenza? Non osiamo pensare, ma dubitare è lecito, che questo Sindaco abbia simpatie per certi oscuri personaggi,  viste le dichiarazioni del ministro Minniti,  suo compare di partito, che tanto sono piaciute alla Meloni  e alla Mussolini. Pur di raccattare voti per mantenere la poltrona sono capaci di tutto questi politicanti da strapazzo. Quindi, cari cittadini e cari antifascisti , aspettatevi altre piacevoli visite da parte degli eredi  del criminale Mussolini, grazie alla complicità del Sindaco e Giunta  “Demokratica”.

Lascia un Commento