Codogno: lasciateli mangiare con alunni e docenti

bandiera

Sei un educatore scolastico intollerante a qualche alimenti e lavori nelle scuole pubbliche di Codogno? Allora non puoi mangiare in mensa, ma devi andare in bagno o in qualche corridoio! Così sembra pensarla Sodexo, l’azienda che gestisce il servizio mensa, che intende vietare l’ingresso alla mensa a quegli educatori scolastici che si portano il cibo da casa. Di seguito il nostro comunicato stampa sulla questione.

Apprendiamo allarmati la notizia secondo la quale verrebbe vietato agli educatori scolastici affetti da intolleranze alimentari di mangiare nella mensa delle scuole di Codogno assieme agli altri docenti ed agli alunni. Secondo quanto segnalato dalla delegata sindacale Miriam Dossena, infatti, la Sodexo (l’azienda che gestisce il servizio mensa) “ha stabilito che non possa entrare in mensa qualsiasi altro cibo che non sia preparato da loro” con buona pace di chi è intollerante a qualche alimento ed è obbligato a portarsi il pranzo da casa. Per queste persone Sodexo ha la soluzione: possono andare a mangiare nei corridoi o nei bagni, come riporta sempre la delegata sindacale. Questo rappresenta, secondo noi, un fatto gravissimo. Non solo, infatti, il pasto in comune rappresenta un avvenimento dal forte valore educativo di cui gli insegnanti (tutti gli insegnanti) devono essere partecipi, ma forse è bene ricordare che gli educatori scolastici si occupano dell’assistenza degli studenti disabili o in situazioni di disagio sociale. Vietare a chi è intollerante a qualche alimento di pranzare assieme ai propri alunni rappresenta un danno sia alle lavoratrici e ai lavoratori (e ai loro diritti, ovviamente) sia agli studenti stessi. Tanto più che, come segnalano gli educatori scolastici, rischiano di saltare completamente il pasto restando digiuni per tutto l’orario di lavoro. Il Movimento R-evoluzione, nell’esprimere massima solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori del settore, chiede con forza a Sodexo di ritirare il provvedimento e di permettere a chi è affetto da qualche intolleranza alimentare di mangiare nella mensa scolastica, a fianco degli alunni e dei docenti.

Lascia un Commento