La Lega Nord? Razzismo e ignoranza

“Quando la vedo non posso non pensare a un orango” – Roberto Calderoli, onorevole della Lega Nord col sedere ben piantato da anni a Roma ladrona.
“Il colore della pelle del ministro Kyenge mi dà fastidio” – Lina Resegotti, consigliere comunale a Casalpusterlengo, iscritta alla Lega Nord.
“Ma mai nessuno che se la stupri la Kyenge?” – Dolores Valandro consigliera di quartiere a Padova, iscritta alla Lega Nord.
“Lei è una bonga bonga, nominarla è stata una scelta del c…o” – Mario Borghezio, europarlamentare della Lega Nord.

Tutti questi raffinati insulti sono stati pubblicamente espressi da esponenti della Lega Nord nei riguardi del Ministro per l’integrazione Cecile Kyenge. L’unica colpa del Ministro? Avere la pelle scura.
Si perchè la Lega Nord si vanta tanto di non essere un partito razzista, a loro gli stranieri, in particolare chi ha la pelle scura, vanno bene, a patto che lavorino e paghino le tasse.
Loro non sono beceri razzisti pervasi da un’ignoranza culturale ad ampio raggio. Loro sono la razza pura…..
Beh ma cari leghisti, com’è che insultate la Kyenge che è cittadina italiana, lavora, e (non ci sono prove contrarie ad oggi) paga pure le tasse????
Forse perchè nella realtà siete nati, siete e resterete un partito con idee razziste e xenofobe? Che considerazioni di natura politica ci sono dietro gli attacchi razzisti che avete fatto verso il Ministro Kyenge? Siete capaci solo di riversare su chi ha la pelle di colore diverso dalla vostra tutta la vostra ignoranza per nascondere i disastri che in Italia ed a Casale state facendo!
Inutili poi sono le finte dichiarazioni del Presidente del Consiglio Letta, che da una parte chiede a Maroni di far dimettere Calderoli ma dall’altro si siede con lui ai tavoli per l’Expo 2015 di Milano, l’immensa fucina di denaro pubblico da spartirsi.

Il Movimento R-Evoluzione crede nel rispetto assoluto delle persone, indipendentemente dal colore della loro pelle (i leghisti lo sanno che anche noi abbiamo la pelle di colore? Bianco, nel caso non lo sappiano)! Le persone si giudicano dai fatti, non dalla razza.
Chiediamo a tutti i cittadini di Casalpusterlengo che rifiutano il modo di pensare razzista della Lega Nord di unirsi a noi in una battaglia per l’uguaglianza dei diritti e per la fratellanza dei popoli!
Chiediamo inoltre le dimissioni dei leghisti autori di tali beceri insulti!

Lascia un Commento