No allo stoccaggio gas a Cornegliano

Quando il padrone si chiama profitto e lo si venera come un dio, i sacerdoti sono coloro che possiedono il capitale e gli agnelli sacrificali i restanti.
Ancora una volta il sacrificio tocca agli abitanti del lodigiano che, per incrementare il profitto di coloro che “giocano” a speculare sui prezzi, si ritroveranno una bomba ad orologeria sotto il proprio suolo. Stiamo parlando dell’impianto di stoccaggio del gas metano che verrà realizzato nel sottosuolo lodigiano.
Partendo da logiche di profitto, quindi estranee a qualsiasi bisogno umano, questi aguzzini proveranno ad immagazzinare gas da rivendere nei periodi in cui aumenterà la domanda e il relativo prezzo. In queste logiche, i nostri aguzzini trascurano completamente il rispetto dell’ambiente, delle vite e dell’effettivo bisogno umano. Spesso sono aiutati da politici ed “esperti” che hanno il ruolo di tenere sotto controllo chi cerca di capirci qualcosa in più.
Come lo fanno? Semplice! Giocano sulle statistiche, sull’invogliare economicamente la popolazione (è classica la frase: “arriveranno soldi che potremmo utilizzare per…”), truccano gli studi focalizzando l’attenzione sul “caso migliore” e offuscando quello peggiore. Promettono, rassicurano, invogliano. E’ tutta una strategia atta a stravolgere psicologicamente la sensazione di pericolo e la necessità di sopravvivenza intrinseche nell’essere umano e non solo.
Non è questo il mondo che vogliamo! Nel nostro ragionamento l’unico guadagno auspicabile è quello acquisibile dalla popolazione e dalle future generazioni.
Per questo il Movimento R-Evoluzione, che fa delle battaglie anticapitaliste e ambientali il proprio punto di partenza, esprime la massima solidarietà a chi ha deciso di intraprendere la lotta contro gli aguzzini e l’eco-mostro. Ne consegue il massimo impegno e aiuto su qualsiasi fronte.

BASTA DISTRUZIONE DEL TERRITORIO
BASTA INGANNI
BASTA SPECULAZIONI
PER IL TERRITORIO AI CITTADINI

Lascia un Commento